Italiano English Spanish Portuguese
Cambio Valute
Importo:
Da:
A:

1 EUR     =    
Ultimo aggiornamento: 24/11/2017 6.09.01
 

Elezioni in Brasile, sondaggi a favore di Marina Silva

05/09/2014

Elezioni in Brasile, sondaggi a favore di Marina Silva, la candidata che non doveva partecipare.

La presidente uscente Rousseff vincerebbe al primo turno ma sarebbe battuta al secondo per 7 punti percentuali. La Silva ha sostituito il socialista Campos morto in un incidene aereo. Ma Dilma sta recuperando.


Non doveva neppure partecipare, ora rischia di vincere le elezioni in Brasile. Marina Silva è entrata in corsa nella campagna elettorale dopo che il candidato socialista Eduardo Campos è morto in un incidente aereo lo scorso 13 agosto. Oggi un sondaggio dell'istituto Ibope assegna all'outsider il 46% nell'eventuale ballottaggio contro la presidente uscente Dilma Rousseff che riceverebbe solo il 39%. Al primo turno previsto il 26 ottobre comunque la Rousseff mantiene un certo vantaggio, 39% a 33% sulla Silva, con Aecio Neves terzo con il 15%, ma la legge elettorale brasiliana consente solo la vittoria al primo turno solo al candidato che ottiene un voto in più di tutti gli altri concorrenti, ipotesi al momento improbabile. Si renderebbe così necessario il secondo turno con il ballottaggio tra i due candidati più votati.


Un caso del destino si frappone davanti alla rielezione di Rousseff. Prima dell'incidente aereo di Campos, la prima presidente donna del Brasile veniva data come certa vincitrice nell'eventuale ballottaggio. Invece la discesa in campo della sua acerrima nemica rimescola le carte. Marina Silva infatti, già ministro del governo Lula, si era poi schierata contro il partito dei lavoratori e in particolare contro la Rousseff, erede politica di Lula. Con le sue posizioni ambientalisti Marina Silva aveva già dato filo da torcere alla Rousseff nelle elezioni del 2010 dove comunque era uscita vincitrice.


Da capire però se il fenomeno Silva sia legata al clamore suscitato dalle particolari modalità della sua candidatura e sia destinata a calare fino alle elezioni di fine ottobre. Negli ultimi giorni infatti gli istituti di ricerca hanno registrato una parziale ripresa della Rousseff.



da: www.repubblica.it